Rapporto annuale World Happiness Report redatto dalla società di Sustainable Development Solutions Network, su richiesta delle nazioni unite. Gli esperti hanno analizzato il livello di vita, tenendo conto di fattori quali il PIL pro capite, il supporto sociale dei cittadini dallo stato, l'aspettativa di vita e l'atteggiamento verso la corruzione. Benessere materiale non è un parametro fondamentale che influenza la sensazione di felicità, sottolineano gli autori della ricerca. Così, Lettonia nel periodo tra il 2005-2007 e 2014-2016 anni ha dimostrato la rapida crescita dell'indice di felicità. Per questo indicatore il paese è al secondo posto nel mondo, di trascinamento dal Nicaragua e superando Sierra Leone. In questo caso, ad esempio, negli stati UNITI il reddito degli abitanti è cresciuto, e la sensazione di felicità è andato giù.

La prima posizione in classifica per il periodo dal 2014 al 2016, occupa la Norvegia, che ha fatto scivolare al secondo posto la Danimarca (era il leader della classifica, tre volte in cinque anni di ricerca). Oltre a Norvegia e Danimarca top 10 paesi più felici rappresentato Islanda, Svizzera, Finlandia, paesi bassi, Canada, Nuova Zelanda, Australia e Svezia.

Solo gli esperti hanno studiato 155 paesi e territori. Il più sfortunato è rivelata Repubblica centrafricana, Burundi, Tanzania e la Siria (nel 2016 il più infelice paese nel mondo ha riconosciuto il Burundi).

La lettonia nella graduatoria compilata per le nazioni unite esperti di Reti per la produzione di soluzioni di sviluppo sostenibile, si trova al 54 ° riga (un anno fa era il 68°), preso tra l'Algeria e la Moldova. Per un confronto: la Lituania si trova a 52 ° posto (più di 8 posti a sedere), Estonia — 66 ° ( 6).

Per quanto riguarda gli altri paesi, stati UNITI in classifica felicità — 14°, Irlanda — 15-io, Germania — 16-io, regno Unito — 19-io, Francia — 31-io, Uzbekistan — 47°, Russia — 49-mi ( 7), Turkmenistan — 59°, Bielorussia — 67 (-6), Cina — 79°, Ucraina — 132-mi (-9).

Il rapporto spiega che il livello di felicità della popolazione non sempre corrisponde al livello di vita del paese. Soddisfazione influisce combinazione economici, sociali e fattori naturali. Si segnala inoltre che i cittadini dei paesi con meno disuguaglianze più felici.