"Oggi la decisione di ampliare le opportunità per l'esportazione nell'unione Europea di merci ucraine. Il nostro dovere è quello di sostenere l'Ucraina e rafforzare i nostri economiche e politiche di comunicazione, tra cui a fronte di un continuo conflitto sulla sua terra", — ha detto il ministro degli esteri dell'Estonia, Sven Mixer. Esattamente Estonia dal 1 ° luglio presiede il Consiglio dell'unione EUROPEA.

L'obiettivo di preferenze è un sollievo posizione degli esportatori ucraini in condizioni di grave situazione economica e le riforme, quelle che attraversa il paese, si legge nel messaggio.

Oltre all'associazione

In precedenza, l'estensione di preferenze commerciali a Kiev per "sostenere lo sviluppo economico dell'Ucraina" ha approvato il Parlamento europeo. Questa soluzione integra le disposizioni sul commercio, già inseriti nell'accordo firmato nel 2014 l'accordo di associazione UE — Ucraina.

1 gennaio 2016 è entrato in vigore l'accordo sulla zona di libero scambio tra Bruxelles e Kiev. Poi il ministero dello sviluppo economico e del commercio dell'Ucraina parlato del fatto che questa misura ha eliminato il 97 per cento delle tariffe sui prodotti ucraini e doveva portare ad una riduzione media del tasso di esportazioni ucraine con 7,5-0,5 per cento.